Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Falcao: “Fonseca? La sfida è di costruire una squadra che riesca a vincere”

“Mi piace l’affetto che mi riserva la gente”

Paulo Roberto Falcao, il Divino giallorosso, ha parlato ai microfoni di Sky Sport intervistato a Montecarlo in occasione del Golden Foot. L’ex romanista si è sull’affetto dei tifosi, sul momento della Roma e sul lavoro che sta facendo Fonseca nella Capitale, oltre a parlare dell’attualità calcistica. Queste le sue parole: “E’ sempre un grande orgoglio per me. Mi piace l’affetto che mi riserva la gente”.

Secondo lei la Roma di Fonseca potrà far emozionare i propri tifosi?
“E’ ancora presto, la mia idea calcistica è sempre stata quella di vincere. La sfida di un allenatore è costruire una squadra che riesca a vincere, rimanendo nella teoria del buon gioco. Senza la prestazione non sai dove arrivi, mentre con la performance giusta sai che la vittoria arriva sicuramente”.

Lei ha ribadito più volte il concetto di bellezza…
“Non bisogna confondere l’allegria di giocare con il non fare le cose serie. Mi piace vedere squadre che vincono, giocano bene e che hanno un’idea di calcio come il Liverpool, il City di Guardiola, il Bayern o la Juventus che vincono sempre. Ci sono squadre che possono piacere, convincenti e che vincono”.

Prima si parlava di pragmatismo. Cosa ne pensa dell’episodio dell’uscita dal campo di Cristiano Ronaldo?
“Quando un giocatore prende la sua posizione ed esce così dal campo c’è qualcosa che non va. Io penso che quando l’atleta esce in modo diverso del solito manca di rispetto verso i suoi compagni e le gerarchie del proprio allenatore. Mi colpisce perché è la prima volta che Cristiano Ronaldo fa questo. Noi abbiamo tre giocatori sopra la media ed è un piacere vedere questi calciatori giocare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News