Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stanchezza e infortuni. La Roma cade a Parma

Giallorossi sconfitti al “Tardini”

La Roma paga pegno perché alla fine i nodi arrivano sempre al pettine. Fonseca è costretto a rassegnarsi alla pochezza della sua Roma chiaramente sulle ginocchia perché è costretto a far giocare sempre gli stessi. Sconfitta dolorosa perché al terzo posto ora ci sono Lazio e Cagliari con l’Atalanta.

La cosa positiva è la sosta per le nazionali che consentirà a questo gruppo di rifiatare, recuperare qualche uomo importante e provare a ripartire a cominciare dalle sfide a Brescia e Verona. Fonseca dovrebbe ritrovare Mkhitaryan e forse anche Pellegrini. Quella vista al Tardini per lunghi tratti è stata la controfigura della squadra bella e aggressiva che aveva vinto le ultime nove in trasferta in campionato.

La sfida contro il Borussia aveva suonato come campanello di allarmE per Fonseca perché il gol preso nel finale mostrava tutta la fatica che fa la squadra ad arrivare in fondo alle gare. Nella ripresa la Roma è cresciuta ma incassa il gol nel momento migliore che svela il tracollo fisico di un gruppo ormai cotto. Con l’ingresso di Santon, poi, la fascia destra in campo non è più pervenuta ed è stata completamente sovrastata da quella degli avversari. Lo scrive Il Tempo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa