Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Smalling: “Mi manca lo United, ma a Roma sto benissimo”

Il difensore inglese: “Gli obiettivi di Fonseca non consistono solo nel tornare in Champions League, ma di vincere qualcosa”

Da oggetto misterioso a baluardo della difesa. In pochi mesi Chris Smalling ha conquistato tutti: non solo i tifosi, ma anche i dirigenti giallorossi, che adesso vogliono provare a riscattare definitivamente il centrale dal Manchester United. Nel frattempo il giocatore ha raccontato all’emittente radiofonica inglese Talksports i suoi primi mesi a Roma:

“Ovviamente mi manca lo United. Ho trascorso lì così tanti anni che ormai mi sentivo a casa ma mi sto godendo il mio nuovo capitolo e spero di poter continuare a influire positivamente sulle prestazioni in campo e di poter avere una stagione di successo. Ma adesso mi sto davvero divertendo a stare in Italia. Sto iniziando a capire ciò che il mister dice in italiano, e anche con i giocatori sono fortunato perché molti di loro parlano inglese. Sto imparando molte frasi calcistiche e non che mi stanno aiutando a interagire con la squadra dentro e fuori dal campo. Mi sento molto stabile; la mia famiglia è qui e i cani sono qui, quindi tutti sono sistemati. Quando la mia famiglia è felice e io sono felice, e questo si vede in campo. Al momento il mio obiettivo è assicurarmi che questa squadra ha una stagione stabile. Gli obiettivi di Fonseca non consistono solo nel tornare in Champions League, ma di vincere qualcosa: mi concentro solo su questo adesso. A fine stagione, quando avremo ottenuto qualcosa, potrò parlare del mio futuro, in questo momento la mia concentrazione è tutta per il campo”.

QUI LA NOTIZIA ORIGINALE

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra