Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Florenzi, un po’ di gamba e tanta voglia: ora l’azzurro è il suo paradiso a tempo

Strano vederlo lì, tra gli undici titolare a cantare l’inno col petto in fuori

Eppure la maglia della Nazionale, oggi per Alessandro Florenzi, è la prima, quasi l’unica. Lui romano, romanista, capitano della Roma, fino a prova contraria. E quella prova contraria è arrivata da un po’, perché a portare la fascia, spesso e volentieri, è Dzeko: Ale dalla deprimente sfida con la Sampdoria in poi, è sempre finito in panchina. Dal 20 ottobre Florenzi ha giocato solo sei minuti contro il Borussia Mönchengladbach all’Olimpico e dodici contro l’Udinese.

Quindi, il terzino-centrocampista-attaccante della Roma, non vive l’ebbrezza di partire titolare dal primo minuto da quasi un mese. Cosa insolita per uno come lui, abituato ad essere considerato da tutti un jolly. Florenzi, in azzurro, balla tra due allenatori che hanno nei suoi confronti sensazioni e opinioni diverse: Fonseca non lo vede come terzino (ieri bene in Nazionale proprio da terzino), e davanti ha il pienone e comunque soluzioni più convincenti; dall’altra si ritrova Mancini che si fida di lui. Ieri sera Florenzi ha faticato meno del previsto giocando una gara dignitosa, sperando di non godersi questi momenti solo con la Nazionale. Lo riporta Il Messaggero.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa