Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, la prova dell’abbondanza

La Roma tornerà domenica in campo dopo la pausa. Fonseca dovrà essere bravo a gestire la sua rosa, ora quasi a pieno organico dopo mesi di KO

Alla luce delle due sconfitte che hanno preceduto la pausa (Moenchegladbach e Parma) e che hanno proiettato al momento la Roma fuori dalla zona Champions (è sesta) e a rincorrere nel girone di Europa League (dov’è terza a due gare dal termine), sarebbe ingiusto dimenticare il lavoro di Fonseca nell’emergenza. Poche mosse ma efficaci per la riqualificazione del gruppo, evidenti nel trittico Milan-Udinese-Napoli. A partire dalla scelta di impiegare un terzino più fisico a destra (Spinazzola o Santon), passando per Mancini mediano nel 4-1-4-1 in proiezione difensiva e rispolverando Pastore che ai più sembrava ormai un calciatore destinato a campionati esotici. Ora, però, il momento del bisogno è finito ed è quantomeno curioso capire come si comporterà il tecnico. Non tanto nel turnover che ha dimostrato, prima dell’ecatombe d’infortuni in serie che ha colpito la rosa, di saper e voler attuare (5 o 6 cambi nelle prime due gare con Basaksehir e Wolfsberger tra Europa e campionato). Quanto invece nel modulo e soprattutto nell’atteggiamento tattico.

La Roma nell’emergenza s’è riscoperta più guardinga, meno spettacolare e ha dato il meglio di sé quando ha incontrato squadre che hanno accettato di fare la partita e non chiudersi. Cosa accadrà adesso che avrà di nuovo la qualità a disposizione? La mossa che viene scontata pensare è arretrare Mancini (al posto del titubante Fazio) vicino a Smalling e spostare Pellegrini di nuovo a centrocampo, per non perdere il momento-sì del Flaco. Ma Lorenzo, dopo esser stato schierato nelle prime due gare di campionato proprio in quel ruolo, è esploso come trequartista, regalando alla Roma un’impronta più aggressiva e spavalda (con tanto di assist a ripetizione ai compagni: 4 in 7 partite) di quanto sia riuscito all’argentino. L’idea che ha di Mkhitaryan («non sono qui per fare il turista. Sono qui per aiutare la Roma a raggiungere qualcosa. A fine stagione deciderò se rimanere», ha detto l’armeno), il tecnico l’ha invece confessata nelle poche battute rilasciate qualche giorno fa a Nyon: “Il ritorno di Miki può aiutare molto Dzeko”. In effetti a pagare il ko dell’armeno (e di Pellegrini) è stato soprattutto Edin. Il bosniaco, dopo il Lecce, ha segnato soltanto al Milan: 6 gol nelle prime 7 gare stagionali, 7 su 9 fino alla trasferta in Salento, appena 1 su 9 (considerando che all’andata col Wolfsberger non è entrato) sino all’attuale pausa. Mkhitaryan è però un calciatore diverso da Kluivert, meno propenso a cercare la profondità. Senza contare che sul versante opposto Under ora è dietro a Zaniolo. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa