Resta in contatto

Giallo&Rosso

La seconda vita di Bruno Peres, con vista su Qatar 2022

Il terzino brasiliano è tornato a Roma per rimanere. E rilanciarsi anche in ottica nazionale

Sembra dovesse essere solo di passaggio, alla pari di una formalità, una visita di cortesia alla squadra che ne detiene ancora il cartellino, giusto il tempo di rifare i bagagli e proseguire altrove. Invece il calcio continua a stupire ed è in grado di regalare storie dagli sviluppi inattesi. Dopo la difficile parentesi in Brasile, tra San Paolo e Sport Recife, Bruno Peres torna alla Roma.
Leggete bene: alla Roma, non semplicemente a Roma. Tesserato e inserito nella lista dei giallorossi per la Serie A, il ds che lo aveva scoperto e lanciato nel grande calcio gli ha concesso un’altra chance: ecco il pensiero di Petrachi.

La mia idea condivisa con Paulo è di dargli una seconda chance, perché a tutti si concede nella vita. Deve ritrovarsi come uomo. Tutti possiamo sbagliare. Negli anni in granata si è visto il vero Bruno Peres e io ero lì, so come ha fatto a rendere. Lui ne è consapevole: gli daremo una possibilità e la prima volta che sbaglia è a casa“.

Dopo un lungo e fitto colloquio con ds e allenatore, il brasiliano ora è pronto a rilanciarsi e a ripagare la fiducia che gli è stata (nuovamente) concessa. E l’ambizione è alla base di tutto: il terzino giallorosso vuole convincere Fonseca e punta ad essere confermato a giugno dal club. Questo metterebbe la Roma nelle condizioni di riconsiderare la durata del suo contratto (scadenza 2021) e riportarebbe Bruno Peres ai vertici del calcio europeo, da sempre osservato con grande cura dalla Seleçao brasiliana (basti vedere la storia di Fuzato, convocato con 0 gare ufficiali in Italia).

Perché in fondo a questo tunnel, che porta al completo rilancio del brasiliano, c’è anche la Nazionale e il sogno, appena sussurrato ad amici e parenti, di giocare il mondiale in Qatar: dopo gli addii di Maicon e Dani Alves, il Brasile non ha ancora un titolare inamovibile sulla fascia destra e Bruno Peres vuole provarci.
Con il supporto della famiglia (che presto lo raggiungerà a Roma, dove sta cercando casa), il brasiliano ha intenzione di lavorare forte per riprendersi quanto perso negli ultimi anni.
Sei mesi con vista sul rinnovo, un posto nella rosa della Roma con vista Qatar 2022, un biennio di riscatto e di rivincite.
Bruno Peres è a Trigoria, più pronto che mai.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Giallo&Rosso