Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Diawara: “Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile. Siamo stati sfortunati” (VIDEO)

Le parole del centrocampista giallorosso al termine dei 90 minuti

Amadou Diawara, centrocampista della Roma, è stato intervistato durante il post-partita di Roma-Torino 0-2. Queste le sue parole:

LE PAROLE DI DIAWARA A ROMA TV:

Cosa è mancato secondo te?
“Sapevamo che questa partita era molto difficile, la prima dopo la sosta contro una squadra fisica, siamo stati un po’ sfortunati. Abbiamo creato tante occasioni senza concretizzare”.

Sei stato uno dei più positivi, sei sempre più integrato…
“Sento la fiducia dell’allenatore, dei compagni e della società. Mi dà motivazione in più per lavorare e stare sempre al meglio in ogni allenamento e in ogni partita”.

Raramente ho visto una Roma così allungata come oggi…
“Sì, oggi abbiamo iniziato un po’ male la partita perché non riuscivamo ad uscire palla al piede. Nel secondo tempo è andata meglio, abbiamo creato tanto e siamo stati sfortunati a non concretizzare le occasioni che abbiamo avuto”.

E’ stato un problema fisico o tattico?
“Non era un problema fisico perché in settimana abbiamo lavorato bene e ci sentiamo bene. Il Torino ci ha messo in difficoltà, è una squadra tosta e siamo stati sfortunati a non concretizzare. Contro squadre così se hai occasioni e non fai gol loro te li fanno”.

Il Torino adottava marcature a uomo a centrocampo…
“E’ stato uno dei fattori che ci ha messo in difficoltà, stavamo su di noi uomo contro uomo. Loro erano bravi a muoversi di più per avere spazio”.

DIAWARA IN MIXED ZONE




1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra