Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dieci minuti di follia. La Juve chiude subito il match, Perotti lo riapre ma non basta

In un colpo solo la Roma perde la partita, il quarto posto e il suo gioiello. Amara sconfitta, la seconda del 2020 in casa consecutiva. Zaniolo out 6 mesi

Notte più amara e indigesta per la Roma era difficile da prevedere. I giallorossi in un Olimpico insolitamente pieno perdono partita con la Juve, quarto posto e Zaniolo. Il talento azzurro è uscito al 36’ in lacrime e con le mani sul volto dopo una bella volata centrale e un contrasto con De Ligt. La diagnosi è impietosa: lesione del crociato anteriore destro del ginocchio con interessamento del menisco e già oggi il ragazzo sarà operato dal professor Mariani. I tempi di recupero dovrebbero essere di 5-6 mesi. Niente Europeo quindi per uno dei giocatori più forti della corte di Mancini che ha assistito alla gara dalla tribuna. Una notizia terribile in una serata strana e su un prato gravemente provato dopo la gara della Lazio di sabato. “E’ un grande problema. Adesso Zaniolo deve pensare a recuperare veloce. Siamo tristi per lui”, scuote la testa Fonseca. A tarda sera poi lo stesso Zaniolo ha postato su Instagram una frase per i tifosi: “Vi giuro che tornerò più forte di prima”.

Passiamo alle altre brutte notizie. La Roma dopo dieci minuti era sotto di due gol a causa di errori individuali evidenti: il primo della coppia Smalling-Kolarov che ignorano Demiral solo in area, il secondo ancora più beffardo dopo una rimessa corta di Pau Lopez su Veretout. Il francese abbatte Dybala e Ronaldo dal dischetto segna il 4° gol del 2020. Sembrava l’inizio di una goleada, ma la Roma non ha abbassato la testa e nella ripresa ha tirato fuori i muscoli cercando in tutti i modi un punto che avrebbe fatto felici anche Inter e Lazio. Il Var ha corretto Guida e concesso un rigore netto per fallo di mani di Alex Sandro. Qualche minuto prima Dzeko aveva colpito il palo. Dal dischetto Perotti è stato glaciale. L’assedio è durato fino alla fine anche se non ha portato a pericoli concreti alla porta di Szczesny complice la mira sbilenca di una squadra che su azione fatica da matti a trovare la via del gol. La sconfitta regala alla Juve il titolo di campione d’inverno e porta la Roma alle spalle dell’Atalanta avanti per la vittoria nello scontro diretto. Lo riporta Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa