Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Lady Dzeko: “Restare a Roma una scelta di Edin. Il mio impegno sociale è una responsabilità”

La moglie del centravanti giallorosso si racconta: dall’impegno nel sociale per aiutare le famiglie dei piccoli malati in Bosnia, all’amore per Roma

Amra Dzeko, moglie di Edin, è stata intervistata dal quotidiano Il Romanista. La compagna del centravanti giallorosso ha raccontato della suo impegno nel sociale, ma anche dell’amore che tutta la famiglia ha ormai per Roma e per la Roma:

Per me è una responsabilità aiutare gli altri, per essere una voce per la gente bosniaca, per la gente in generale ma soprattutto per i bambini malati. Sto lavorando con una fondazione che si chiama “Cuore per i bambini”. Abbiamo in ballo due progetti importanti e che hanno avuto molto successo. Uno di questi si chiama “Miei capelli, tuoi capelli”, dove invitiamo la gente a donare i capelli per fare le parrucche per i bambini malati. La prima volta ho tagliato i capelli io, adesso sto aspettando per farlo di nuovo. Per fortuna non ho ancora i capelli bianchi e non faccio colori e quindi posso farlo, perché ci sono due condizioni per partecipare: avere i capelli lunghi almeno 35 cm e capelli al 100% naturali. Dopo che ho iniziato io abbiamo organizzato altri eventi più grandi in varie città. Poi durante tutto l’anno ci mandano anche capelli via posta. L’anno scorso c’è stato un grande evento a Sarajevo ed è bello vedere tutte queste bambine con i capelli lunghissimi, che non li hanno mai tagliati, che hanno voglia di donare e di far felice gli altri bambini. È una cosa splendida. Il secondo progetto è la casa dei genitori a Sarajevo dove possono stare i genitori di bambini che si curano a Sarajevo, così possono essere vicini ai loro figli. Io sono molto fiera dei bosniaci perché in questi momenti tutti si mettono a lavorare e aiutano. Ognuno di noi può dare una mano, questi genitori devono sapere che non sono soli“.

Noi adoriamo Roma, tutti: io, Edin e i bambini. I tifosi mi amano perché pensano che siamo rimasti a Roma per colpa mia. Ci sono state due occasioni, prima col Chelsea e poi con l’Inter ma noi stiamo bene qui. Alla fine le decisioni le prendiamo insieme ma quando si tratta di calcio è Edin a decidere. Da noi a casa il calcio si vive 24 ore al giorno, guardiamo tutte le partite. Il calcio per Edin è una grande passione e noi tutti partecipiamo”.

QUI L’INTERVISTA INTEGRALE

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa