Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, una vittoria all’ultimo Stadium

Giallorossi mai vincenti nella nuova tana della Juventus

Nessun punto in 9 viaggi: lo Stadium è ancora vuoto per la Roma. Che, domani sera nel turno secco dei quarti di Coppa Italia, si presenterà a Torino per fare il suo 10° tentativo negli ultimi 8 anni. Il saldo è estremamente negativo: 21 gol subiti e appena 3 realizzati. La Roma non segna a Torino da quasi 6 anni: l’ultima rete, la notte del 5 ottobre 2014, anche l’unica su azione, è firmata da Iturbe. Fu quella la sfida più equilibrata delle 9. Ci sarà ancora Rocchi, direttore discusso della sfida nell’era Garcia, ma non Dzeko, a digiuno in trasferta contro i bianconeri.

E, come giovedì scorso al Tardini contro il Parma, lo sostituirà Kalinic che in Emilia ha festeggiato il suo anno senza gol: l’ultimo il 16 gennaio 2019 al Girona in Coppa del Re. Il croato, con la maglia della Fiorentina, ha comunque realizzato 3 reti di fila contro i bianconeri ed è l’unico della rosa giallorossa ad aver segnato allo Stadium. Chi, invece, lo ha preceduto non ha certo lasciato il segno. Solo Totti e Osvaldo sono riusciti a segnare.

Nessun punto e, tanto per gradire, nessuna rete in 7 delle 9 partite. Fonseca, insomma, punta a interrompere la striscia iniziata con Luis Enrique in panchina, continuata con Zeman, Garcia, Spalletti e Di Francesco e migliorata, solo nel passivo, nelle ultime 4 stagioni. A Torino Fonseca dovrà rinunciare a 8 giocatori, dando per scontato il recupero di Fazio. Tornano a disposizione Florenzi e Kolarov. In più è possibile che anche Cristante parta dall’inizio al posto di Veretout. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa