Resta in contatto

Roma Primavera

De Rossi: “Dobbiamo mettere sempre la stessa attenzione che abbiamo messo oggi”

Le parole del tecnico giallorosso

L’allenatore della Roma Primavera, Alberto De Rossi, ha parlato ai microfoni di Roma TV dopo la vittoria della sua squadra contro l’Atalanta. Queste le sue parole:

Vi aspettavate questa bella prestazione?
“Io me l’aspettavo, contro le grandi squadre i ragazzi hanno sempre fatto bene e non hanno mai fallito. Dobbiamo ancora lavorare sulle partite che riteniamo abbordabili. Inoltre, dobbiamo migliorare quando le partite sembrano chiuse. Sulle qualità della rosa nessun dubbio”.

È stata una grande prestazione di tutta la squadra
“Abbiamo difeso bene e concesso solo all’ultimo, è stato bravo il nostro portiere, tutta la difesa si è mossa bene e tutti hanno corso e si sono sacrificati. I gol? Segniamo sempre molto”.

Questa vittoria può essere una scossa per la stagione?
“Prendiamola così, anche se non abbiamo bisogno di episodi per avere continuità. Sotto l’aspetto della qualità dei giocatori, quelli forti li abbiamo, il problema è la continuità. Noi dobbiamo mettere sempre la stessa attenzione che abbiamo messo oggi e con Inter e Cagliari”.

Poteva essere una finale anticipata?
“Questa non era una finale anticipata, anche se sono due squadre forti. Non si può dire anche per rispetto degli altri. Abbiamo affrontato la sfida col massimo dell’attenzione e lo faremo anche martedì col Verona, è una squadra forte con tanti giocatori interessanti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera