Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Conference League al via dal 2021. Parteciperà la sesta classificata in Serie A

La nuova competizione non sostituirà l’Europa League, ma si porrà al di sotto di quest’ultima. Per la Serie A, parteciperà la sesta classificata in campionato

Si sta delineando la formula dell’Europa Conference League, la nuova terza coppa europea la cui prima edizione prenderà il via nella stagione 2021/2022. Lo schema del nuovo torneo, secondo quanto riportato ricalcherà quello delle due competizioni già esistenti: 32 squadre, divise in 8 gruppi da quattro. A seguire ottavi, quarti, semifinale e finale. La nuova struttura per le competizioni Uefa per club garantirà che almeno 34 federazioni nazionali Uefa siano rappresentate nella fase a gironi di una o più competizioni.

Tutte le federazioni affiliate avranno quindi accesso alle tre competizioni, e le quote di tutte le federazioni rimarranno invariate. Sarà una competizione nuova, che non sostituisce l’Europa League, anche se ne ridurrà il numero delle partecipanti. Si porrà al di sotto di quest’ultima, tanto che la sua vincitrice sarà qualificata di diritto per l’Europa League dell’anno successivo. La Uefa ha diramato la lista di accesso alle competizioni continentali per il triennio 2021-2024. La novità sta nel fatto che, con l’introduzione della nuova coppa e la conseguente riduzione delle squadre partecipanti all’Europa League, si qualificherà per la Europa Conference League la sesta classificata al termine della Serie A.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News