Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Iannuccillo: “Con Totti un normale scontro di gioco. Nessuna rissa”

Il capitano ciociaro ha chiarito l’accaduto sul sito ufficiale della Lega Calcio a 8

Dopo lo scontro di gioco con Francesco Totti, nella partita di Calcio a 8 tra Frosinone e Totti Sporting Club, Mirko Iannuccillo ha rilasciato alcune dichiarazioni sul sito ufficiale della Lega Calcio a 8. Di seguito le sue parole.

“Volevo chiarire la questione, mi trovo in una situazione surreale nella quale non mi ritrovo. Quello che è successo è stato un normalissimo scontro di gioco, come se ne vedono sempre. Totti saltando mi ha colpito, chiedendomi subito scusa e si vede anche dal video. Non è successo nulla di trascendentale, ho letto di risse che in realtà non ci sono state, sicuramente gli animi si sono accesi ma come accade sempre sui campi da gioco. A fine partita è finito tutto, Totti mi ha dato la mano ed è finita lì. Sono usciti anche dei presunti audio in cui io avrei detto di avere il naso rotto: sono audio che non ho mai fatto, non è la mia voce. Io sono tifoso della Roma e Totti è il mio idolo da sempre, per me è stato soltanto un orgoglio giocarci insieme, entrare in campo con lui e stringergli la mano. L’unica cosa vera che è uscita è una mia foto con il labbro tagliato, ma ci tengo a precisare che è un graffietto. Siamo andati via tutti con il buon umore dopo una partita bellissima in cui abbiamo rischiato anche di vincere, siamo usciti dal campo stringendoci la mano. I titoli dei siti parlano di gomitata ma è stato un semplice scontro di gioco, ho letto anche di una rissa che in realtà non c’è stata. Totti dopo è anche venuto in panchina a scusarsi, la situazione è stata del tutto tranquilla”.

 

LEGGI ANCHE

Totti e una gomitata sospetta: si accendono gli animi alla Longarina (FOTO/VIDEO)

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News