Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gullit: “Spero che Milan e Roma riescano a costruire i nuovi stadi”

Le parole dell’ex stella olandese

Ruud Gullit, ex giocatore del Milan, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Adnkronos riguardanti la questione stadi in Italia:

Spero che il Milan cambi lo stadio. Questo deve essere fatto. Non è stata una coincidenza che la Juventus è andata così bene con il nuovo stadio. Gli stadi in Italia sono tutti vecchi. La Juventus ha avuto l’opportunità di farlo, avevano un piano, un’idea e per quello sono dove devono essere. Tanti vogliono la stessa cosa, ma politicamente in Italia è difficile soprattutto perché l’economia non è molto stabile in questo momento.

Ma lo sport è sempre stato importante, soprattutto quando la gente è in difficoltà e può gioire. Ma la politica non aiuta e diventa difficile per tanti club. Spero che il Milan riesca ad avere un posto, anche la Roma vorrebbe la stessa cosa. E’ bello vedere quello che sta costruendo l’Atalanta. In Italia se si vuole competere con altri paesi del mondo come l’Inghilterra, la Spagna, la Francia, lo devi avere. In Italia il talento cìè sempre, il calcio è sempre di alto livello, ma anche in Italia ora si vuole attaccare sempre di più e anche la Nazionale di Mancini sta andando bene. Anche in Olanda è bello rivedere la Nazionale è molto più divertente. L’Italia può vincere l’Europeo? Potrebbe avere una possibilità, ma ci sono tante squadre che potrebbero avere una possibilità. L’Olanda ha giocatori con esperienza“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News