Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nuova proprietà, sempre anno zero

Una Roma in crisi accoglierà presto Friedkin, il nuovo proprietario e si preparerà all’ennesima rifondazione: cambieranno organigramma ed area tecnica.

Fienga che aveva detto alla squadra “siamo tutti sotto esame”, resterà il punto di riferimento a Trigoria del gruppo di Houston, gli altri sono in bilico. Il ritardo dall’Atalanta vede compromessa la corsa Champions e la mancata qualificazione certificherebbe il ridimensionamento della rosa visto che non ci saranno gli introiti UEFA. Lo stesso accadrebbe se Friedkin decidesse di accedere al Voluntary Agreement per aggirare i paletti.

I suoi interlocutori privilegiati nella Capitale gli hanno sconsigliati di procedere con le plusvalenze e in questo senso, la partita di giovedì, è lo snodo cruciale della stagione visto che la vittoria dell’Europa League porterebbe dritti in ChampionsIl passaggio di proprietà deve vivere le ultime quattro fasi: la due diligence virtualmente conclusa, il signing del contratto e a seguire il closing entro 60 giorni. A metà aprile poi la fumata bianca. Si stanno valutando dei profili, tra cui l’ex Gandini, per rimpiazzare alcune figure in ogni settorePetrachi, al momento, resta al suo posto, ma il suo destino appare segnato a prescindere dal contratto che lo lega alla Roma. Il sogno è Berta che però non vuole lasciare l’Atletico Madrid, l’outsider è Faggiano del Parma. Il futuro di Fonseca si conoscerà a maggio. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa