Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko, aggrappati a te: “Abituato alle pressioni. Roma, nessuna paura”

Il bosniaco è stato uno dei quattro giallorossi capocannonieri europei

Con i colori giallorossi ci sono riusciti solo in quattro. E l’ultimo è stato proprio lui, nell’Europa League del 2016/17, quando divenne capocannoniere della competizione con 8 reti (insieme al brasiliano Giuliano, all’epoca in forza allo Zenit San Pietroburgo). Edin Dzeko quella coppa voleva però vincerla, poi la Roma di Luciano Spalletti si fermò agli ottavi di finale, eliminata dal Lione.

In quattro, dunque. Sono i capocannonieri europei della Roma, i re dei bomber giallorossi. Il primo fu Pedro Manfredini nella Coppa delle Fiere del 1960/61 con 12 gol, con “Piedone” che si confermò poi anche due stagioni dopo con 6 sigilli personali, al fianco dell’altro giallorosso Roman Lojacono. Poi, appunto, Dzeko. Ma prima di lui un’altra leggenda come Rudi Voeller, che con 10 reti nel 1990/91 trascinò la Roma fino alla finale di Coppa Uefa, poi persa contro l’Inter.

Per rialzarsi la Roma domani si affiderà soprattutto al bosniaco. “Non esistono gare facili, tutti si aspettano che gli attaccanti risolvano le partite. Ci sono abituato a questa pressione“, ha detto ieri Edin al sito dell’Uefa. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa