Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Focus

La Roma torna a vincere in campionato. La gara contro il Lecce con i numeri di AS Roma Data (TWEET)

I giallorossi vincono la prima gara interna del 2020, dopo le tre sconfitte consecutive delle ultime giornate. Primo clean sheet del nuovo anno 

La Roma torna a vincere davanti al pubblico dell’Olimpico grazie allo splendido 4-0 rifilato al Lecce di Liverani. Dopo quasi più di due mesi i giallorossi ritrovano i 3 punti casalinghi, e non solo. La gara di ieri ha infatti creato spunti interessanti, che analizziamo assieme ai dati raccolti dal profilo Twitter AS Roma Data.

La supremazia territoriale della Roma non è mai stata messa in discussione per tutta la durata della gara. Non solo: i giallorossi sono infatti riusciti a ritrovare non solo la via del gol, ma anche a creare diverse situazioni pericolose, figlie di un atteggiamento corretto e positivo dai primi minuti del match. Già nel primo tempo, conclusosi 2-0 per la Roma, è evidente come la squadra di Fonseca sia riuscita ad imporsi sia sul piano tattico che atletico: 14 tiri (di cui 6 in porta) contro 7, un possesso palla del 63% e un expected goal di 1.77 sono numeri che riportano la Roma al periodo autunnale, il più florido della stagione.


Nella ripresa la musica non cambia, anzi la Roma spinge il piede sull’acceleratore, segnando altri due gol e mantenendo i numeri che sottolineano un cambio di rotta nella squadra di Fonseca. Anche se il possesso palla scende leggermente e si attesta al 55%, il dato sugli expected goals mostra come i giallorossi non solo trovano per 4 volte il gol, ma creano occasioni a valanga.


Altro dato interessante, e nuovo per il 2020 giallorosso, è il non aver subito gol. In campionato è il primo clean sheet del nuovo anno: l’ultimo risaliva al pareggio con l’Inter a San Siro dello scorso dicembre, mentre all’Olimpico la Roma non blindava la propria porta addirittura dalla gara contro il Brescia di novembre.


Per quanto riguarda i singoli, c’è sicuramente da evidenziare la prestazione di Mkhitaryan: l’armeno, tra i migliori in campo, non solo ha portato a 5 il suo bottino di reti stagionali, ma con i suoi recuperi di palla e i suoi passaggi si è dimostrato determinante ai fini della manovra offensiva giallorossa. Il suo minutaggio arriva a 723, e il suo contributo nelle azioni da gol è di uno ogni 103 minuti.


Ultimo dato, ma non meno importante, riguarda l’assetto tattico della squadra. La Roma vista ieri ha mostrato alcune differenze, sopratutto sulle fasce: la posizione di Bruno Peres salta subito all’occhio, praticamente un esterno offensivo aggiunto. In copertura è Veretout che va ad occupare l’esterno del campo per sopperire al problema, mentre Cristante si abbassa per coprire la mediana.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Focus