Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, fiducia dal senato

Smalling recupera da velocista e respinge come Pau Lopez. Mkhitaryan, Dzeko e Kolarov si sono sdoppiati con gol e assist

Smalling, Kolarov, Mkhitaryan e Dzeko. Titolari e protagonisti contro il Lecce, semplicemente decisivi. I curricula dei big 4 valgono più di qualsiasi considerazione. Sono giocatori di spessore, di esperienza e di carattere. Di qualità e sostanza. Se la squadra domenica si è ritrovata nel gioco, nell’equilibrio e nell’efficacia non c’è da stupirsi, loro sono i trascinatori non a parole, ma con i fatti. E’ l’asse portante della Roma e di Fonseca cha ha puntato forte sui senatori che lo hanno ripagato con gesta d’autore.

Smalling recupera da velocista e respinge come Pau Lopez. Mkhitaryan, Dzeko e Kolarov si sono sdoppiati con gol e assist. A fine stagione solo Dzeko è quasi sicuro di non lasciare la Capitale. Ha firmato il rinnovo ad agosto e a gennaio è diventato capitano. Ieri ha anche incassato i complimenti i Montella per i 102 gol con la Roma. Anche Kolarov ha prolungato recentemente, ma il gesto contro il Bologna ha incrinato il rapporto con la tifoseria. Mihjalovic e Sabatini potrebbero allungargli la carriera, mentre Fienga lo vorrebbe come dirigente. Il futuro di Smalling e Mkhitaryan dipende dal piazzamento della Roma.

Fonseca: “Vorrei che Smalling restasse, ne stiamo parlando. Non so se sia possibile a causa della situazione con lo United, ma vorrei tanto che Chris rimanesse con noi perché molto importante. Micki, durante questa stagione, ha avuto alcuni infortuni. Ma ora sta tornando e sta dimostrando la sua qualità. Vediamo. È un giocatore con grande qualità e fantasia, vorrei che restasse anche lui alla Roma”. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa