Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mkhitaryan: “Importante essere passati. Voglio giocare e aiutare la squadra”

L’esterno armeno, uno dei migliori in campo oggi: “In queste competizioni non ci sono squadre facili, tutti sanno giocare a calcio e sanno come difendere e attaccare”

Henrikh Mkhitaryan, attaccante della Roma, è stato intervistato durante il post-partita di Gent-Roma 1-1. Queste le sue parole:

MKHITARYAN A ROMA TV

Tu conosci questa competizione…
“La prima partita l’abbiamo vinta solo 1-0, non era facile ma con questo campo era difficile perché avevamo giocato 3 giorni fa. Abbiamo pareggiato ma è più importante che siamo passati”.

L’avversario era difficile…
“Si in queste competizioni non ci sono squadre facili, tutti sanno giocare a calcio e sanno come difendere e attaccare. Tutti giocano e non guardano il nome dell’avversario”.

Per te è più complicato giocare da esterno?
“Per me è importante solo giocare e aiutare la squadra, sulla sinistra o sulla destra o da centrocampista è uguale, voglio aiutare la squadra e fare gol e basta”.

MKHITARYAN A SKY SPORT

L’assist per Kluivert un colpo da artista…
“Era una situazione dove ho capito bene il movimento di Kluivert, abbiamo parlato tante volte di questo. Ho visto che è entrato dentro la difesa e ho dato la palla lì”.

Ti senti più nel gioco da trequartista?
“Oggi il mister mi ha visto dietro l’attaccante, per me è importante aiutare la squadra che pensare a dove devo giocare”.

Perché avete sofferto in difesa e in attacco?
“Specialmente nel secondo tempo non abbiamo fatto bene, ma siamo al prossimo round. Non è facile giocare qui, abbiamo fatto il massimo ma abbiamo pareggiato”.

Chi vuoi agli ottavi?
“Non ci sono squadre facili, tutti conoscono il calcio e sanno attaccare e stare in difesa. Siamo pronti per tutte le squadre, se vogliamo vincere l’Europa League dobbiamo affrontare tutte le squadre”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra