Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mattinata decisiva: Juve-Inter di domani sera rischia di essere rinviata

Oltre al big match, rischiano di saltare altre quattro partite. L’allarme Coronavirus tiene sotto scacco il Paese, e ora le Serie A è seriamente a rischio

Non cessa l’allerta per il Coronavirus, che nelle regioni del Nord Italia colpite dal focolaio sta mettendo in ginocchio non solo l’economia, ma anche il calcio. Sarà una mattinata decisiva quella di oggi, che stabilirà se giocare le sfide di Serie A che si disputano nelle regioni colpite dall’infezione, anche il big match tra Juventus e Inter. L’idea in origine era quella di disputare le partite a porte chiuse, ma la Lega starebbe prendendo seriamente in considerazione l’idea del rinvio.

Il motivo? Evitare di dare l’idea di un paese costretto a violentare il suo sport prediletto. Il problema non si porrebbe con le altre quattro gare, Udinese-Fiorentina, Milan-Genoa, Parma-Spal e Sassuolo-Brescia: non essendo nessuna delle squadre impegnate in altre competizioni, sarebbe abbastanza facile riuscire a trovare un secondo momento in cui farle giocare, anche se resta l’incognita più grande. Non si sa per quanto ancora durerà l’emergenza, e quindi non è possibile scegliere già una data per un possibile recupero. Discorso molto più complicato invece per quanto riguarda Juventus-Inter: se la partita dovesse essere rinviata, non solo sarebbe un problema trovare una data, a causa degli impegni delle due squadre in Europa, ma vista la caratura del match, si rischierebbe anche seriamente di compromettere il campionato. Quindi cosa fare? Per il momento tutto resta ancora avvolto nel dubbio. Lo scrive La Gazzetta dello Sport. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa