Resta in contatto

Rassegna Stampa

Gravina: “Si può non assegnare il titolo, ma tutto il resto va deciso. Dal Pino sta facendo un ottimo lavoro”

Le parole del presidente della Figc

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha rilasciato un’intervista a Il Corriere Dello Sport riguardante la situazione che il calcio italiano sta affrontando in merito all’emergenza per il coronavirus. Queste le sue parole:

Cosa salvare, Europei, campionato o Coppe?
“Lo decidiamo martedì, ma l’evoluzione dell’epidemia ci coinvolge tutti allo stesso modo. Nessuno può pensare che questo sia un problema italiano, siamo solo avanti di due settimane rispetto al resto d’Europa. Tutti dobbiamo mettere prima la salute e far prevalere il buon senso, e il buon senso dice che difendere un grande evento europeo sarebbe un errore strategico”.

I club e la Lega sono tutti della stessa idea?
“Non ci sono alternative. L’Europeo fa da tappo allo slittamento di molti campionati, con il rischio di perdere tutto”.

Lei è certo di poter salvare il campionato?
“Io mi accontenterei di salvare la salute di tutti gli uomini di sport. Poi ho fiducia di salvare anche i campionati”.

Giocando fino a giugno, o anche a luglio?
“Abbiamo una dead line il 30 giugno. Scadono contratti, assicurazioni, licenze. Finisce l’anno calcistico”.

Quanti giorni servono per concludere i tredici turni mancanti della Serie A, considerando che nello stesso periodo potrebbero esserci impegni delle italiane nelle Coppe?
“Dai 45 ai 60 giorni. In due mesi portiamo tutto a termine con certezza. Se pure iniziamo a maggio si può fare”.

Se l’epidemia si mangia anche un po’ di maggio, che si fa? Si rinuncia ad assegnare lo scudetto? Lo si regala?
“Tutti pensano che l’unico problema sia assegnare lo scudetto. Dobbiamo stabilire chi va in Champions e in Europa League, chi retrocede in B, chi sale in A. In via teorica si potrebbe non assegnare il titolo, ma tutto il resto si deve stabilire”.

Non tutti sono d’accordo con l’ipotesi playoff e playout.
“Mi pare normale. Chi punta a vincere o a salvarsi preferirebbe giocarle tutte, e ha ragione. Ma in questo momento nessuno ha la certezza di poter fare una cosa piuttosto che un’altra. Ho detto a tutte le Leghe: fate le vostre proposte, discutiamo. Le regole vanno fissate subito, prima di cominciare a giocare”.

Dopo aver insistito per non fermare il campionato, è stata la Lega a rinviare le partite.
“Si è peccato di ottimismo, perché si sperava di poter giocare la settimana successiva a porte aperte”.

Alla fine c’è voluta la voce del Coni a dire “fermatevi”.
“Non è così. Abbiamo deciso in autonomia. Quando Malagò ha parlato, avevamo già fissato per il mattino successivo un consiglio straordinario con le delegazioni di tutti i campionati decise allo stop. La verità è che il calcio è guardato con pregiudizio”.

Non negherà che nel calcio gli stracci sono volati anche in queste ore. Mentre il virus infuriava, c’era Zhang che dava del pagliacco a Dal Pino, Agnelli che dava del furbo a Lotito, il portavoce della Lazio che gridava “Ci vogliono rubare lo scudetto”. C’è una strana “educazione” al bullismo, non è troppo?
“Questo individualismo è una malattia che il calcio paga caro. Mi auguro che l’isolamento obbligato faccia riflettere molti. Se non facciamo sistema, ci danneggiamo l’un l’altro. Dal Pino sta facendo un ottimo lavoro in un momento difficile. Merita rispetto e sostegno”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa