Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Graziani: “Pallotta dovrà garantire la continuità aziendale”. Rizzitelli: “Fonseca ha dimostrato di avere le palle”

Giannini: “Se fossi in Pallotta aspetterei in attesa del passo decisivo di Friedkin”

Il mondo intero sta vivendo alla giornata, augurandosi che il futuro sia meno preoccupante del presente. In casa Roma l’arrivo di Friedkin è in stand-by per la crisi creata dal Coronavirus.

Giannini: “Se fossi Pallotta, aspetterei in attesa del passo decisivo di Friedkin. Va rinforzato il reparto difensivo. Ci vuole un terzo centrale forte, per esperienza e fisico, da affiancare a Smalling e Mancini. Poi prenderei un terzino destro. Davanti se torna Schick siamo a posto. Bisogna difendere Zaniolo e Pellegrini, che sono i talenti più giovani. Ma poi insisto su Smalling, che è il leader della difesa”.

Graziani: “Nell’era Pallotta la Roma è stata quasi sempre tra le prima quattro. In questi mesi dovrà garantire la continuità aziendale facendo investimenti sul mercato. La soluzione è prendere un giocatore per reparto. Uno come Castrovilli è l’ideale per il centrocampo di Fonseca. In attacco servono altri due da affiancare a Dzeko. Tenere Smalling e blindare i giovani Zaniolo e Pellegrini. Anche Mkhitaryan deve rimanere”.

Cervone: “Se il valore della rosa cresce, Pallotta potrà vendere anche ad un prezzo maggiore. Un bel mercato forse riscatterebbe la sua immagine agli occhi dei tifosi. La priorità è trovare un terzino destro di affidamento. Poi serve un a ttaccante e faccio il nome di Kean. Se vuoi crescere non puoi non ripartire da Smalling, Dawara, Zaniolo, Mkhitaryan e Dzeko”.

Moriero: “Nell’attesa che arrivi Friedkin, mi auguro che Pallotta torni a Roma per stare vicino alla squadra e alla società. Conosco Petrachi, a lui piacciono i giovani che hanno gamba e sanno giocare all’attacco come vuole Fonseca. Se non si riparte da Smalling di che parliamo?”.

Rizzitelli: “A Pallotta consiglio di non ragionare con i se e con i ma. Gestisca la Roma come se dovesse restare per sempre. Fonseca non si discute, ha dimostrato di avere le palle per guidare la Roma. Non ho dubbi su cosa fare: tenere Smalling”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa