Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Dzeko: “Giusto finire il campionato. Ma la salute prima di tutto”

“Un grande orgoglio essere il capitano della Roma dopo Totti e De Rossi”

Edin Dzeko, intervistato da Sky Sport, ha rilasciato alcune dichiarazioni in questo periodo di quarantena. Ecco le sue parole:

Iniziative di Roma Cares. Anche da parte tua un bel videomessaggio…

“Io la scelta giusta l’ho fatta per rimanere e non era difficile. Sono orgoglioso di far parte di questa società che fa cose molto importanti per tutti i suoi tifosi e tutta la gente. Noi giocatori siamo a disposizione della società e cerchiamo di aiutare in tutti i modi possibili”.

Come è essere padre a tempo pieno?

“Ovviamente non sono mai stato così tanto a casa, ma sono contento. Sono contento per i miei figli e tutta la famiglia che in questi momenti è l’unica cosa positiva. Vedo che i miei bambini sono contenti e quando li vedo così lo sono anche io”.

Una bella dichiarazione per Sarajevo. Quando non sei a Roma che cosa ti manca?

“Sarajevo è un amore infinito e sarà così per sempre. Di Roma mi mancherebbe casa nostra, dove abitiamo, anche perchè quando andiamo in vacanza a Sarajevo Una ci chiede “Quando torniamo a casa?” e questa è casa nostra gli diciamo. Lei ci dice casa nostra è a Roma”.

Sei capitano ora, ti sentivi già capitano da prima?

“La prima volta era negli ultimi mesi al Wolfsburg, poi sono andato al City. Sono capitano della Bosnia da 6 anni. Farlo alla Roma dopo Totti e De Rossi è un grande orgoglio. Una società meravigliosa. Mi sentivo anche prima come uno dei capitani. Tutte le squadre hanno più di un capitano che non sono solo quelli con la fascia, ma anche i leader in campo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra