Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Isole Fær Øer, il calcio riparte: la decisione e il protocollo medico adottato

Il protocollo medico è stato scelto prevede: niente sputi o soffiate di naso in campo, per bere ognuno dovrà avere una propria bottiglia personale.

Tutti dovranno lavarsi le mani prima e dopo la partita, mentre prima del calcio d’inizio verrà disinfettato anche il pallone. Ogni club dovrà mettere a disposizione due spogliatoi per ciascuna squadra. Tutte le partite, ovviamente, saranno a porte chiuse.

Così le Isole Faroe hanno deciso di superare la crisi da coronavirus. Non solo perché al momento non c’è nessun morto e solo 185 contagi, ma anche perché – adesso è ufficiale – mentre tutto il calcio europeo discute se e quando ripartire, il campionato delle isole sospese tra ScoziaIslanda e Norvegia è il primo a ripartire tra le federazioni Uefa: da sabato 9 maggio comincia il Formuladeildin.

“Qui ancora si seguono molte precauzioni – ha detto al ‘Mundo Deportivo’ il calciatore spagnolo Pedro Tarancon, che gioca nel campionato delle Isole Faroe -, ma stiamo tornando alla normalità. Da lunedì scorso, 20 aprile, hanno riaperto le scuole, e adesso possiamo di nuovo allenarci tutti insieme. In realtà lo avevamo fatto anche nelle scorse settimane, ma solo a gruppi di cinque. Le regole in campo? Ci adattiamo, perché la salute viene prima di tutto, ma giocare a calcio è sempre bellissimo”. Riporta Mediaset.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News