Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Per Smalling la strada è in salita. E Mkhitaryan preme per restare

Linee guida che rendono gli ingaggi fuori portata

Petrachi incrocia le dita, sa che la ripartenza del campionato e una possibile qualificazione alla Champions potrebbe portare introiti che agevolerebbero anche il suo lavoro per il prossimo calciomercato.

La Roma imposto linee guida che escludono gli under 30 e gli ingaggi fuori portata. Naturalmente però gli strappi alla regola ci potranno essere e sono due esempi Smalling e Mkhitaryan, due affari simili ma molto diversi. Aumenta infatti il pessimismo a Trigoria per riuscire a trattenere il difensore un’altra stagione: il Manchester United continua a chiedere 20 milioni di sterline per cederlo a titolo definitivo e al momento il prestito non rientra nei piani di Solskjaer, che vuole monetizzare.

D’altro canto anche il giocatore vorrebbe partecipare alla prossima Champions League. Discorso diverso per l’armeno, che è ben contento di rimanere alla Roma e ha dato mandato a Raiola di parlare con l’Arsenal per discutere della sua permanenza nella Capitale: la Roma punta a un nuovo prestito oneroso, ma il giocatore dovrà prima rinnovare il contratto con l’Arsenal (in scadenza nel 2021) e spalmare l’ingaggio di sette milioni e mezzo netti a stagione per abbassarlo almeno a quattro. Lavori in corso, ma Petrachi è fiducioso di portare a termine quantomeno la trattativa per l’armeno. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa