Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

La lettera del giovane Tariq a Dzeko. Edin risponde: “Sei già un diamante!”

Il centravanti giallorosso ha riportato sul proprio profilo Facebook la lettera scritta da un suo giovane fan che lo ha descritto come un “diamante”

“Ho cominciato a giocare a calcio perché volevo diventare Edin. Nè meno, né più. Solo lui. Non Ronaldo, Messi o Pjanic, ma solo Edin. Edin Dzeko, il ‘Diamante’. Edin era un ragazzo normale, come me. Il viaggio fino al titolo di capocannoniere della nazionale bosniaca  non è stato facile. Nonostante i milioni di euro che ha sul conto e ha guadagnato giocando a calcio, è rimasto modesto e semplice. Il ragazzo che ha cominciato a correre dietro al pallone con la tuta, sognando che un giorno sarebbe diventato un esempio per qualcuno. Come lo è per me. È l’unico ragazzo dello che ha attraversato tutto il settore giovanile e ha debuttato in prima squadra a 17 anni con Amar Osim, figlio del leggendario Ivica Osim.

Nessuno avrebbe potuto sognare a quel tempo che quell’atleta carino e sorridente, sopravvissuto all’inferno della guerra nella nativa Sarajevo, stesse nascondendo una magia che nessun altro nel mondo ha e che ora riesce a apprezzare tutto quello che ha oggi. E quel ragazzo è diventato un diamante. Si è conquistato questo soprannome durante una partita tra la Bosnia e il Belgio nel 2009, quando il commentatore sportivo Marijan Mijajlovic, estasiato dal gol, lo ha chiamato ‘Il Diamante Bosniaco’. La Bosnia ha battuto poi il Belgio 4-2. Nonostante i tifosi bosniaci lo chiamino ancora in quel modo, i sostenitori della Roma hanno deciso di dargli il soprannome ‘Gigante’

Non scriverò dei suoi gol, tutti i traguardi raggiuntiper cui ha reso fiera la nazionale, non scriverò delle migliaia di vite che ha salvato, o di quelle che probabilmente continua a salvare. E sì, forse non diventerò Edin Dzeko, ma gli sarò sempre grato per tutto quello che ho imparato guardandolo. Ha creduto in se stesso quando nessun altro lo faceva. Era ed è rimasto un ragazzo scherzoso con un sorriso enorme e un cuore grande come una montagna. Un giorno anche io sarò il diamante di qualcuno, ne sono abbastanza sicuro. Ed, grazie! Tuo, Tariq”.

In fondo alla lettera la risposta di Dzeko: “Grazie Tariq! Tu sei già un diamante”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra