Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Florenzi a Cannavaro: “Fonseca? Bravissimo allenatore e come uomo ancora di più” (VIDEO)

Florenzi in diretta Instagram con Cannavaro: ecco le sue parole

Il terzino giallorosso, attualmente in prestito al Valencia, è stato protagonista quest’oggi di una videochiamata con Fabio Cannavaro. Queste le sue parole:

Come va?
“Bene, ci hanno dato un’ora di uscita con i bambini per fortuna. Ieri hanno stabilito che dal 4 ci saranno gli allenamenti individuali, riaprono i parrucchieri, che invece in Italia riaprono il 1 giugno. Dall’11 maggio riaprono teatri, cinema e ristoranti, con accesso ridotto. O sono molto spregiudicati qui, o molto prudenti in Italia”.

Hai imparato lo spagnolo?
“Un po’ lo capisco, ma se parlano velocemente non capisco. Comunque per noi italiani è facile capire lo spagnolo”.

L’esperienza spagnola?
“Umanamente è un’esperienza bellissima, nonostante le difficoltà del momento. Sono stato accolto benissimo, i compagni sono fantastici, il paese è bellissimo. La città è bella, si sta molto bene”.

Hai fatto tanti gol belli.
“Si, non ho segnato tanto, ma sono pochi i gol brutti. Non mi piace fare le cose facili”.

Il più bello?
“Come contesto e come gesto sicuramente quello al Barcellona, ma per me il gol più bello è quello che ho fatto a Udine, perché rispecchia il mio modo di vedere il calcio. Poi ho fatto due bellissimi gol al Genoa, uno in rovesciata e l’altro in contropiede. Anche quelli a Milano”.

Fonseca?
“Fonseca è una bravissima persona, tatticamente è davvero molto preparato. Nonostante la partenza, mi sono lasciato in ottimi rapporti con tutti lì a Roma e la mia stima per Fonseca è altissima”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News