Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 3 maggio 1998: la Roma cala la “manita” contro il Milan (VIDEO)

Gli uomini di Zeman infliggono una sconfitta storica al Milan: è il bilancio negativo peggiore della storia dei rossoneri all’Olimpico. Roma in zona Europa

I 3 maggio del 1998 la Roma sgretolava il Milan di Fabio Capello, rifilando ai rossoneri un sono 5-0. La partita, decisiva per il cammino dei giallorossi verso la Coppa Uefa, viene sbloccata al 16′ del primo tempo. Da fuori area Candela spara un destro potentissimo, sul quale Rossi non può fare nulla. La Roma è decisa a centrare i tre punti, e poco dopo, al 20′ raddoppia: Totti entra in area e viene arpionato da Ziege, Farina non ci pensa due volte e concede il calcio di rigore ai giallorossi. Dal dischetto parte Gigi Di Biagio: portiere da una parta, palla dall’altra, 2-0 per la Roma.


Dopo 8 minuti ancora Di Biagio fa impazzire lo stadio Olimpico, siglando il gol del 3-0 con un sinistro che si infila sotto il sette della porta milanista. La Roma è in trance agonistica e decide di chiudere definitivamente i giochi nel primo tempo, così da risparmiare le energie: al 39′ Paulo Sergio scavalca Costacurta ed entra in area: a tu per tu contro Rossi l’attaccante brasiliano non sbaglia, portando il tabellino sul 4-0. Nel secondo tempo il Milan cerca quanto meno di salvare la faccia ma invano.

All’82 Delvecchio chiude i giochi, inserendo il quinto centro giornaliero: crossi di Di Francesco in area, sul pallone arriva la testa dell’attaccante che cala il pokerissimo giallorosso. La Roma vince e convince, avvicinandosi sempre di più alla zona Europa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord