Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Cafu: “Vissuto degli anni meravigliosi in giallorosso. Il rapporto tra Totti e la Roma non è mai finito” (VIDEO)

L’ex giallorosso: “La Roma di Fonseca può arrivare lontano. Ho visto una squadra che gioca”

Intervenuto in una diretta Instagram con Gammarco Menga di Sport Mediaset, l’ex giallorosso Cafu ha parlato della sua esperienza alla Roma, di Totti e della squadra di Fonseca. Senza dimenticare la serie di sombreri rifilati a Nedved

La giocata su Nedved?
“Ricordo tutto di quel derby, è stato particolare per me. Ho avuto la possibilità di fare quella giocata, i pallonetti a Nedved, che è un campione. Questa settimana abbiamo avuto il piacere di riprovarlo con mio figlio a casa. Mi ha detto: “Voglio vedere se riesci a farmi veramente i pallonetti che hai fatto a Nedved”. Ho provato ed è andata bene (ride)”.

Ricordate il sombrero di Cafu a Nedved? Il brasiliano ci riprova! (VIDEO)

Cosa ricordi di quell’anno a Roma, l’anno dello scudetto?
“I ricordi sono tantissimi. Dopo 18 anni abbiamo rivinto lo scudetto con la Roma, in una piazza che, come sappiamo, non è molto facile. Abbiamo avuto una squadra molto forte allenata da Capello. Abbiamo veramente vissuto degli anni meravigliosi a Roma, soprattutto l’anno dello scudetto”.

Come commenti la fine del rapporto tra Totti e la Roma?
“Non è mai finito il rapporto d’amore tra Totti e la Roma. Spero che possano trovare un accordo. Secondo me stanno cercando di capire in che modo Francesco possa essere utile alla società”.

Un commento sulla Roma di adesso?
“La Roma di Fonseca può arrivare lontano. Ho visto una squadra che gioca, una squadra che se ha la testa giusta può davvero arrivare molto lontano”.

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News