Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Spadafora: “Ok ripartire, ma soltanto in sicurezza”

Parla il Ministro dello Sport “Se ci saranno le condizioni sarò felice di dare il via al campionato”

Il Ministro dello Sport traccia la linea. Vincenzo Spadafora sin dall’inizio della crisi sanitaria non è mai stato contrario a priori a una ripresa del campionato di Serie A, ma ci tiene a ribadire che la sicurezza è l’aspetto prioritario, senza il quale non si potrà proseguire.

Vincenzo Spadafora, da Ministro dello Sport, si aspettava questi toni alti del mondo del calcio sulla ripartenza?

“La maggioranza degli italiani non vede di buon occhio la ripresa del campionato. Ma io non bado in questo momento ai sondaggi. Il calcio è un mondo importante del Paese, io lo conosco bene a differenza di chi vuol far passare un messaggio diverso. Legittimi gli interessi economici, ma quando si va su altro tipo di attacchi, pressioni e strumentalizzazioni, questo atteggiamento non fa bene a nessuno”.

Il calcio ha l’idea che lei sia contrario alla ripartenza.

“Sarebbe surreale per un Ministro dello Sport demonizzare il calcio. Mi auguro di ripartire, ma lo deciderà il governo. Dal 18 maggio riprenderanno gli allenamenti di squadra. Sul campionato ci baseremo su elementi scientifici, oggi non disponibili. A metà maggio si potrà fare una previsione realistica”.

Lei ha detto: “Del campionato proprio non se ne parla, ora mi occupo degli altri sport”. È suonata come un’offesa al calcio. Sembra che lei non tuteli la ripresa della Serie A.

“Non esiste una mia contrarietà, ma la volontà di valutare la ripartenza solo se si salvaguarda la salute delle persone all’interno del gruppo squadra. Poi rivendico pari dignità con gli altri sport e gli sport di base. Tutelo talmente tanto la ripartenza che ho convocato io la prima riunione con Figc e Leghe per cercare una soluzione. Ricominciare a giocare pone una serie di questioni legate a trasporti, alberghi, a centinaia di persone che si muovono. Di chi è la responsabilità? Il protocollo dovrà definire anche questo”.

La Francia ha chiuso. Non vale la pena prendersi un po’ di tempo prima di stoppare o meno?

“Quando dico aspettiamo si replica che voglio chiudere il campionato. La mia non è un’attesa irriverente. Ora non siamo in grado di ripartire”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa