Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Spinozzi: “Mi manca la Roma. Giocare le amichevoli con Fonseca la gioia più grande”

Ha iniziato la preparazione con la Roma di Fonseca ma poi si è trasferito alla Pistoiese

Emanuele Spinozzi, centrocampista con un passato recente nella primavera giallorossa. è il protagonista della rubrica di Roma Tv ‘A casa dell’Ex’. Queste le sue parole:


Come stai?

Sto bene dai. Stiamo passando questa quarantena allenandoci, tutto bene.

A casa hai spazi per gli allenamenti individuali?

Ho spazi ridotti. Corsa quasi niente, faccio più cose col tappetino e altri esrrcizi in spazi stretti.

Già che ti hanno tolto la corsa conoscendoti…

Si infatti mi manca (ride, ndr).

La tua stagione alla Pistoiese era di grande rendimento anche a livello di continuità…

Si diciamo che fino ad adesso è stata una buona stagione, ho avuto molta continuità e non è così scontato per un giovane che esce da un settore giovanile così importante.

Qual’è la difficoltà maggiore per un ragazzo che esce da un settore giovanile così performante?

Diciamo che secondo me la differenza è che qua ti giochi una salvezza reale, i punti sono veramente pesanti. In Primavera non la vivi come nel professionismo. C’è anche una differenza di trattamento.

Prima di andare a titolo definitivo alla Pistoiese sei tornato a Trigoria e hai segnato in amichevole con la Roma di Fonseca.

È stato molto bello, la soddisfazione più bella è stata proprio quella di giocare quest’amichevole. Sono stato molto contento.

C’erano D’Urso e Bordin, sembrava un ritorno al passato…

Si. Quando sei in Primavera e ti chiamano per andare in prima squadra è completamente diverso da così. Te la godi di più. Prima magari a Trigoria c’eri tutti i giorni ed era diventata un’abitudine.

Cosa ti manca di Roma e della Roma?

Di Roma mi manca tutta la famiglia. Della Roma mi manca indossare la maglia essendo un tifoso della Roma che mi ha sempre emozionato indossare quella maglia anche se del settore giovanile. E poi non vedere tutte le persone dello staff di trigoria.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News