Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma si sveglia col terremoto: la scossa alle 5 del mattino. Ecco l’epicentro

Un sisma ha svegliato la Capitale

Roma si è svegliata col terremoto. Un inizio di giornata traumatico per i romani che sono scesi in strada poco dopo le 5 a causa di una scossa sismica. Oltre alla paura, infatti, pioggia e vento hanno segnato questo inizio mattinata. La scossa è stata avvertita distintamente in tutta Roma e in particolare nella zona nord est più vicina all’epicentro, e a Tivoli e Guidonia. Alcune persone sono scese in strada, molte le chiamate ai centralini delle forze dell’ordine. Al momento non risultano danni a persone o cose.

“Non parliamo di una forte scossa di terremoto, questa è una magnitudo frequente nel nostro Paese. Scosse come queste di magnitudo 3.3 ne registriamo centinaia se non migliaia durante l’anno. La scossa che è stata avvertita a Roma ha svegliato molte persone ma non ha generato danni nei Comuni di Fonte Nuova, Mentana e Monterotondo che sono i comuni più prossimi alla zona epicentrale”. Lo ha detto Pierfrancesco De Milito, capo ufficio stampa della Protezione Civile intervenendo a RaiNews 24. “La tranquillità non è un atteggiamento da applicare al rischio sismico – ha aggiunto – ma sapendo che l’Italia è un Paese esposto a questo rischio, non dobbiamo meravigliarci o spaventarci di scosse come queste”.

Paura anche nei comuni limitrofi a Fontenuova, epicentro del sisma. A Guidonia Montecelio, Tivoli, Monterotondo molte persone, svegliate anche dal boato che ha preceduto la scossa, sono scese in strada malgrado il temporale che si è scatenato subito dopo il terremoto. Lo riporta “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News