Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Un comma nel decreto Rilancio aiuta chi chiude i campionati

L’impressione è che il via libera agli allenamenti segni la fine della speranza di ricominciare

Proprio mentre un comma a sorpresa nel “Decreto rilancio” del Governo apre uno scivolo per la chiusura anticipata del campionato. Nel pomeriggio, mentre il ministro Spadafora prendeva tempo rimandando ancora alla prossima settimana la decisione sulla ripresa del campionato, nelle 454 pagine di bozza del decretone è comparso, all’articolo 211, un punto dedicato alle “disposizioni processuali eccezionali per i provvedimenti relativi all’annullamento, alla prosecuzione e alla conclusione dei campionati“.

Non riguarda solo il calcio, ma è mezzo giuridico che eviterà un’estate di ricorsi. Soprattutto – ne va da sé – in caso di interruzione dei campionati. Alle federazioni viene concesso il potere di annullare, proseguire o concludere i campionati, adottare classifiche finali e organizzare le norme per la stagione 2020/21. Ma soprattutto, centralizza tutti i ricorsi in un unico grado presso il Collegio di garanzia dello Sport presso il Coni. E questo è il concetto chiave, perché vuol dire annullare i due gradi di giudizio federali che avrebbe rischiato di paralizzare lo sport. Proprio quello che temeva la Federcalcio: che oggi non sarebbe al riparo dalle cause risarcitorie delle società, ma che in caso di stop imposto dall’alto, potrebbe comunque iniziare i campionati della prossima stagione in tempo, senza infiniti strascichi giudiziari. La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa