Resta in contatto

News

Di Francesco: “L’idea di giocare a tre contro il Barcellona mi venne nella gara d’andata”

L’ex tecnico giallorosso: “Contro il Liverpool eravamo convinti di poter giocare come contro i catalani, ma commettemmo troppi errori”

L’ex allenatore della Roma Eusebio Di Francesco è tornato a parlare della magica rimonta contro il Barcellona del 10 aprile 2018 e della semifinale col Liverpool. Lo ha fatto in una videolezione di ieri insieme al presidente dell’Aiac Renzo Ulivieri. Ecco le sue parole

Quanto è stato importante per te la figura di Zeman?”
E’ stato lui a dirmi di scegliere una strada come allenatore. Ci ritrovammo una sera a cena a casa mia, dopo che io, andando via dal Pescara in B per andare a Lecce in A, avevo consigliato al presidente del Pescara Sebastiani di ingaggiare lui. E a cena, tra un bicchiere di vino e un arrosticino, lui mi disse una frase che non avrei mai dimenticato: “Comincerai a fare l’allenatore quando capirai quello che vuoi. Credi in qualcosa e portalo avanti”. Cominciai così a credere in una certa idea di calcio a base di 4-3-3, a diventare in qualche modo un integralista, si fece largo in me l’idea che cambiare troppo spesso avrebbe tolto sicurezze ai giocatori. Lui fu basilare all’inizio, ma adesso ragiono in maniera diversa e già da qualche tempo. Col tempo ho capito che quando entri nella testa dei giocatori allora puoi anche permetterti di cambiare spesso e loro ti seguiranno comunque”.

Il miracolo con il Barcellona?
“La prova sta proprio in quella fantastica serata vissuta in Champions League: giocammo con un sistema di gioco diverso, con tre difensori e due trequartisti dietro la punta, ma i ragazzi erano convinti di quello che facevamo. L’idea mi è venuta dopo la partita d’andata. Avevamo perso 4-1, ma non avevamo affatto demeritato almeno per 70 minuti. Poi abbiamo perso un po’ le distanze in qualche momento e abbiamo faticato a dare certe coperture sugli esterni, così è uscita fuori la loro qualità. Da qui è nata l’idea di giocare con tre difensori, tenendo più alti i quinti Florenzi e Kolarov e senza temere l’uno contro uno in difesa. In tanti hanno detto che quella sera il Barcellona non è stato brillante, io preferisco credere che siamo stati bravi a impedire loro di giocare”.

Avevi pensato di marcare a uomo Busquets?
“Non avevo scelto un uomo, ho preferito dare dei concetti di base: usciva comunque uno dei due centrali di centrocampo. Dietro a chiudere i buchi ho preferito mettere Manolas centrale, pensando che con la sua velocità e la sua capacità di leggere le giocate sarebbe stato più utile di Fazio, che invece poteva anche essere libero di sganciarsi in avanti, come ha fatto. Del resto Federico è davvero un soldato che segue alla lettera le consegne. In più avevamo notato alcune sbavature nella loro linea difensiva, che non lavorava di reparto, ma si affidava piuttosto alle intuizioni personali, così abbiamo studiato anche alcune giocate che in occasione del primo gol di Dzeko e del rigore causato proprio da Edin hanno funzionato benissimo”.

Quanto fa male la sconfitta in semifinale contro il Liverpool?
“Ci ho ripensato tante volte e oggi magari potrei dire che, se potessi tornare indietro, magari cambierei qualcosa. Ma a che serve? Ecco, in quel periodo la squadra davvero mi seguiva in tutto e per tutto, io mi consultavo anche spesso con loro, e andammo a Liverpool tutti convinti di giocare come col Barcellona, con tre difensori. E per una mezz’ora le cose hanno anche funzionato alla grande anche se poi il risultato non ci ha premiato. Ma commettemmo una serie di errori che mi fanno andare sul concetto del coraggio, perché di fatto avemmo un po’ di paura degli avversari. Poi siamo passati a quattro, prendemmo comunque altri gol, ma poi abbiamo recuperato segnando anche noi due gol. Del resto quella è la squadra che poi vinse la Champions League (Di Francesco qui si è confuso, in realtà il Liverpool vinse l’anno successivo, quell’anno perse in finale col Real Madrid, ndr). Del resto, con il gruppo che avevo e con il rapporto che avevamo se non fossero stati convinti di giocare così me lo avrebbero detto”.

Come gestisci i malumori dei tuoi giocatori?
“Prima di tutto io cerco di capire anche dall’allenamento se c’è qualcosa che non va. Per me è importante il confronto e la condivisione, anche degli aspetti tecnico-tattici. Prendiamo un giocatore importante come Dzeko, caratterialmente un po’ particolare, ma di un’intelligenza non solo calcistica importante. Come tanti altri attaccanti, anche lui in allenamento a volte è stato un po’ insofferente. Così mi è capitato spesso di chiamarlo in ufficio a chiacchierare. Partivamo da un semplice “come stai?” e poi arrivavamo a parlare anche di calcio, spesso trovando la sintesi giusta tra le sue e le mie esigenze. Confronti che duravano anche 45 minuti durante i quali non mi sono mai annoiato. Per me è importante non avere solo soldatini. Questo è il mio modo per affrontare il dissenso. E se non risolvo significa che ho sbagliato qualcosa”.

Qual è la tua identità di gioco?
“A me piace l’idea di dominare la partita, in fase di non possesso dò dei riferimenti uomo contro uomo nella metà campo avversaria, ma nella nostra metà campo il riferimento diventa il pallone”.

Hai imparato qualcosa quando sei andato all’estero?
“All’estero sono un po’ più sfacciati, ma in Italia ormai da anni stiamo cambiando e abbiamo imparato a lasciarci andare”.

Come si affrontano le sconfitte umilianti?
“Col Sassuolo ho preso due volte sette gol dall’Inter, ma la prima volta è stata un’occasione di crescita, la seconda è stata davvero mortificante, e sono andato alla rottura con la squadra”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News