Resta in contatto

Rassegna Stampa

Titoli buttati, secondi posti e finali perse

Quattro secondi posti in campionato, con uno scudetto buttato nel 2010, e quattro finali perse nelle coppe, più un’altra sfiorata in Champions.

Ecco le partite che hanno lasciato la Roma a secco in questi 12 anni, l’astinenza più lunga degli ultimi 6 decenni, riportate da Il Corriere della Sera:

Inter-Roma 8-7 ai rigori, 24 agosto 2008, Supercoppa

Vucinic fa il 2-2 al 90′ a San Siro, ma dopo i 120′ sono fatali gli errori di Totti e Juan dal dischetto.

Roma-Sampdoria 1-2, 25 aprile 2010

Dal -14 sull’Inter a novembre, Ranieri sorpassa l’11 aprile. Ma due settimane dopo, alla quartultima giornata, la doppietta di Pazzini ribalta l’1-0 di Totti e cancella i sogni.

Inter-Roma 1-0, 5 maggio 2010, finale Coppa Italia

All’Olimpico il gol di Milito pone la prima pietra del triplete nerazzurro.

Inter-Roma 3-1, 21 agosto 2010, Supercoppa

Riise illude con la puntata dell’1-0 a San Siro, ma Pandev e una doppietta di Eto’o firmano un altro sorpasso interista.

Roma-Lazio 0-1, 26 maggio 2013, finale coppa Italia

La sconfitta più cocente, nell’unico derby romano per assegnare un trofeo.

Liverpool-Roma 5-2, 24 aprile 2018, semifinale Champions

Dopo il miracolo Barcellona, la squadra di Di Francesco crolla in Inghilterra anche per la doppietta dell’ex Salah. Al ritorno non basterà un 4-2, con molte recriminazioni verso gli arbitri, ad Anfield e all’Olimpico.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa