Resta in contatto

Rassegna Stampa

Niente stadio, il futuro del tifo in una app: si fischierà e si canterà dal divano di casa

Il mondo cerca di ripartire dopo la pandemia di Coronavirus. Una soluzione per gli stadi, ancora vuoti a causa dell’emergenza sanitaria, arriva dal Giappone

Il mondo del calcio è stato travolto, come tutto il resto, dalla pandemia dovuta al Coronavirus. Al punto che, in Giappone, si progetta un’applicazione che punta a far sentire la voce del tifoso direttamente dal divano di casa, almeno fin quando non sarà possibile rientrare allo stadio.

La Yamaha Corporation, nota per la produzione di strumenti musicali e dispositivi elettronici, sta sviluppando un sistema che permetterà di applaudireincitare o anche fischiare i giocatori in campo attraverso il proprio smartphone. Tutti questi segnali saranno trasmessi all’unisono e in diretta dentro lo stadio da altoparlanti imponenti situati all’interno dell’impianto di gioco, in grado di riprodurre gli effetti generati dai tifosi come quando erano presenti sugli spalti. Lo riporta Il Corriere dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

🤮

Advertisement

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Capitano mio capitano quanto ne sarei felice se allenassi un giorno la nostra amata Roma. Grazie Peppe"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Che dire? Come giocatore, un grande Campione, come uomo purtroppo no lo conoscevamo bene fino in fondo e poi chi di noi non sbaglia nella propria..."

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Colui che ha rappresentato tutto ... l'amore della mia vita per il calcio e per questa squadra..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Il solo capitano degno di Agostino"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Grande Barone! Iniziai allora a tifare la Roma, per la sua zona totale e quel genio di Falcao!"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Rassegna Stampa