Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dellas: “Roma? Si percepisce l’assenza di una bandiera. C’è bisogno di successi”

“Euro 2004? Un vero miracolo”

L’ex difensore della Roma Traïanos Dellas ha rilasciato un’intervista a Taca La Marca in onda su Radio Musica Television. Tra gli argomenti trattati la ripresa del calcio, il suo passato in giallorosso e la vittoria di Euro 2004 con la sua Grecia. Ecco le sue parole:

Sulla ripresa.

Questa è una situazione inedita, mantenendo alta l’attenzione la vita deve riprendere. In Italia oltre al fattore economico il calcio suscita tante emozioni, bisogna guardare avanti.

Su Euro 2004.

Ancora non ci rendiamo conto di cosa siamo stati capaci di compiere: un vero miracolo. Per vincere un torneo così importante bisogna battere le nazionali migliori. Nonostante non avessimo grandi campioni, l’unità di squadra fece la differenza. Dopo la vittoria con la Francia di Zidane abbiamo iniziato a pensare di poter realizzare un qualcosa di inimmaginabile. La nostra Grecia è diventato un esempio per tutte le piccole squadre, che hanno iniziato a pensare di poter fare la differenza e di arrivare al massimo lavorando sodo.

Su Manolas.

Lo conosco molto bene, sia come carattere e sia tecnicamente. Sin da giovane ha sempre dimostrato di avere qualità da leader. La sua stagione è stata molto condizionata dal Napoli e quindi è difficile riuscirne a dare una valutazione complessiva. Ha il carattere e la forza per essere il leader di una squadra come il Napoli, l’anno prossimo farà molto meglio vista la tranquillità che adesso regna nella compagine azzurra.

Sulla Roma.

Guardando da lontano vedo che alla Roma manca qualcosa, si percepisce l’assenza di mentalità e di una bandiera. Gli addii di Totti e De Rossi hanno inciso molto. L’allenatore non è determinante al 100%, anche quest’anno manca qualcosa per poter vincere qualche trofeo. Una piazza come Roma ha bisogno di successi.

Sulla sua esperienza in giallorosso.

I miei ricordi alla Roma sono bellissimi, ho giocato 3 anni al massimo delle mie possibilità. Sono stato nel periodo successivo alla vittoria dello scudetto, mi è stato dato tanto amore e questo contesto mi ha fatto crescere tanto come giocatore. Mi sono confrontato con grandi campioni e conosciuto tante persone, dopo Euro 2004 ho rifiutato diverse offerte per rimanere a Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa