Resta in contatto

Rassegna Stampa

Juan: “De Rossi rappresenta la Roma. Il derby della Capitale? Il più sentito”

Alla Roma per cinque anni, dal 2007 al 2012, Juan non ha di certo dimenticato i giallorossi

L’ex difensore brasiliano, ritiratosi nel 2019, ha rilasciato un’intervista a ygfoot.com, nella quale ha parlato dei suoi anni nella Capitale e in particolare delle emozioni del derby. Queste le sue parole:

Sulla Roma…

Nel 2007 sono passato alla Roma: in Italia trovai avversari di livello più alto rispetto a prima. I più difficili da affrontare furono Ibrahimovic, Del Piero, Adriano e Trezeguet. Io già sapevo chi fosse Francesco Totti quando arrivai. Lui era il riferimento nella squadra, un calciatore conosciuto in tutto il mondo. De Rossi era qualcuno che avevo già sentito, sapevo che fosse un grande calciatore, che fosse un gran calciatore, ma non sapevo che rappresentasse la città di Roma. Quando andai lì, ho capito che fosse speciale. Era uno dei cinque centrocampisti più forte del mondo e tutti lo volevano, ma lui scelse di stare a Roma. Lo ha sempre affermato.

Il derby?

Ho giocato Internacional-Gremio, i derby di Rio con il Flamengo, ma l’intensità della passione dei romani per Roma e Lazio rende questo derby il più sentito a cui abbia mai assistito. Le due squadre si affrontano solo due volte l’anno, c’è un’atmosfera differente. E’ veramente dura in campo. Io ricordo solo un calciatore che ha giocato per entrambe le squadre: Kolarov. Si tratta di una cosa che non accade molto spesso.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa