Resta in contatto

Amarcord

Amarcord 12 giugno 1955. La Roma conclude il campionato battendo il Catania per 3-1 (VIDEO)

I giallorossi si congedano dai propri tifosi con una vittoria casalinga. Decisiva la doppietta di Galli, arrivata dopo il pareggio dei siciliani

Il 12 giugno del 1955 si giocava l’ultima giornata di campionato. Allo stadio Olimpico, all’epoca chiamato ancora stadio dei Centomila, va in scena RomaCatania. I giallorossi, che non hanno più nulla da chiedere al campionato, vogliono conquistare la vittoria per salutare al meglio i tifosi presenti allo stadio. A far si che ciò avvenga ci pensa Ghiggia, che al 7′ si procura un calcio di rigore. Dal dischetto parte Pandolfini, che spiazza il portiere Bardelli. Il gol del momentaneo vantaggio giallorosso scuote il Catania, che a più riprese cerca il gol del possibile 1-1. Dopo un palo ed una traversa, nella ripresa del secondo tempo i siciliani trovano la rete, grazie al gol di Klein.

Lo stallo in campo dura poco, perché al 64′ Galli mette in porta la palla del momentaneo 2-1 della Roma: Pandolfini entra in area sulla destra e crossa al centro. Galli in volo centra il pallone di testa e insacca. La partita potrebbe finire qui, ma la Roma ha voglia di giocare e di segnare ancora. 9 minuti dopo, sempre Galli: dalla stessa posizione del crossi di Pandolfini, Ghiggia serve intelligentemente il compagno a centro area, il quale spara un missile impossibile da intercettare. La Roma vince e si congeda tra gli applausi del pubblico.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord