Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 14 giugno 1942: la Roma batte il Modena e vince il suo primo scudetto (FOTO)

La squadra allenata dall’ungherese Alfred Schaffer viene incoronata Campione d’Italia per la prima volta nella sua storia. Spodestate le squadre del Nord

Il 14 giugno del 1942 la Roma vinceva il suo primo scudetto. Il trionfo arrivò grazie al secco 2-0 che i giallorossi riuscirono ad infliggere al Modena, costretta insieme al Napoli a retrocedere in Serie B. Eppure, ad inizio campionato, nessuno credeva ad una storia del genere: nella stagione precedente i giallorossi non avevano brillato, conquistando solo un undicesimo posto in classifica. Oltre a ciò il mercato non aveva portato innesti sufficienti per poter anche solo sperare di lottare per il titolo.

I giocatori della Roma, molti dei quali bersaglieri, posano per la foto ricordo

Eppure, già all’avvio della stagione, si vedeva che qualcosa era diverso. Il campionato 1941/42 si apre con tre vittorie, una sconfitta a Genova e una striscia positiva di ben tredici partite. Quando a marzo la Roma subisce tre sconfitte in quattro gare non si abbatte, ricomincia a vincere lottando fino all’ultima giornata quando il 2 a 0 rifilato al Modena assegna alla squadra ed alla città capitolina il primo importante trofeo calcistico della sua storia.

Grazie ai gol di Cappellini e Borsetti la Roma si laurea Campione d’Italia, spodestando le squadre del Nord per la prima volta nella storia della Serie A. A fine partita, lo Stadio del Partito Nazionale Fascista esplode, celebrando i suoi beniamini.

Il tecnico Schaffer viene alzato in trionfo dai tifosi giallorossi

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord