Resta in contatto

Rassegna Stampa

Gravina spera: “Pubblico negli stadi già a luglio”

Gravina

Primi bilanci dopo la ripartenza per il ministro dello sport Vincenzo Spadafora

A Torino venerdì funzionava tutto bene, ma ci siamo arrivati attraverso un percorso difficile e complicato. Abbiamo sempre ricordato che lo sport non è soltanto il calcio e che il calcio non è soltanto la Serie A, quindi adesso è andato tutto bene, siamo solo agli inizi, speriamo che i protocolli possano dare tutte le garanzie necessarie“. Intervenuto a Sky, ha continuato: “Siamo ad un punto importante perché ormai gli allenamenti degli sport individuali e di squadra sono ripresi, è finalmente ripartito il calcio con la Coppa Italia, resto il punto dello sport amatoriale e soprattutto degli sport da contatto“.

E della ripresa ha parlato anche il presidente della Figc Gabriele Gravina a Radio Deejay:

La Coppa è stato l’ultimo tassello che serviva per fugare qualunque dubbio sulla prosecuzione dei campionati. Sono contento, ma manca ancora la partecipazione dei tifosi che mi auguro avvenga in tempi molto rapidi. Quando? Io mi auguro i primi di luglio: la prima settimana, massimo metà luglio. Significherebbe che il nostro Paese ha eliminato quelle ultime restrizioni e che siamo usciti da questo momento particolarmente buio“. La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa