Resta in contatto

News

Chiellini: “Il Pallone d’Oro vinto da Shevchenko lo meritava Totti”

“Francesco più forte di Andrij. Lui aveva gli occhi dietro la testa, gli riuscivano giocate che nessuno poteva neppure immaginare”

Nella sua autobiografia, Giorgio Chiellini ha parlato di due attaccanti da lui affrontati, Shevchenko e Totti: “Un grandissimo con cui ho giocato ma quasi soltanto da avversario è Francesco Totti. In Nazionale lo avevo intravisto in un paio di partite prima dei Mondiali 2006, poi lui lasciò l’azzurro. Comunque, tra Juve e Roma non ci siamo fatti mancare niente. Francesco è stato immenso, davvero, ed è stato un peccato non vederlo esibirsi anche su altri palcoscenici, però dal punto di vista romantico è stato bellissimo che lui abbia dedicato tutta la sua vita alla Roma. Alla fine ha vinto molto meno di quanto avrebbe potuto, lui era da Pallone d’Oro, e forse si è negato in parte quella crescita che arriva da ogni cambiamento. Ma chi pensa che sia stata una scelta di comodo non ha capito niente: è stata soltanto una scelta d’amore. Quando non vinci, può passarti per la testa di cercare altrove le opportunità per farlo, ma Totti è un ‘romano de Roma’ come nessuno, e questo spiega perché non si sia mosso da lì”.

Il difensore della Juventus torna sul Pallone d’Oro vinto dall’ex attaccante del Milan nel 2004: “Quel Pallone d’Oro avrebbe davvero potuto vincerlo, prima dell’egemonia degli alieni. Lo hanno dato a giocatori come Owen o Shevchenko, grandi, ma non certo più di Totti. Lui aveva gli occhi dietro la testa, gli riuscivano giocate che nessuno poteva neppure immaginare. Gli ho visto esprimere un calcio fantastico, prima con una fisicità esplosiva e poi con una classe immensa, anche se a ritmi più lenti. A livello tecnico, mentale e come visione di gioco Totti era un autentico fuoriclasse: semplicemente un genio. E insieme alla fantastica sregolatezza di Cassano ha formato la coppia più bella e impossibile della Roma, forse di sempre. Pura poesia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News