Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Spinazzola, gol e ingenuità. Roma, quanta amarezza

La gara di ieri sera l’avrebbe dovuta giocare con la maglia dell’Inter, Leonardo Spinazzola, protagonista nel bene e nel male del 2-2

A gennaio il suo trasferimento era cosa fatta con uno scambio che avrebbe portato Politano alla Roma. Un supplemento di visite mediche richieste dall’Inter fece saltare tutto. Spinazzola è tornato col morale sotto i tacchi, ma anche con la voglia di dimostrare che i nerazzurri avevano commesso un errore. Il passaggio alla difesa a tre lo ha liberato da compiti difensivi e la scalata di Kolarov in mezzo lo ha fatto diventare titolare inamovibile.

Ha segnato il gol dell’1-1 e alla fine ha regalato il rigore del pareggio all’Inter dopo il vantaggio di Mkhitaryan. E’ proprio l’armeno il vero uomo in più della Roma nella seconda parte di stagione. Avvicinato alla porta avversaria è più di supporto a Dzeko con cui parla la stessa lingua calcistica. Tra i migliori in campo anche Ibanez che mercoledì, causa infortunio, sarà sostituito da Smalling. Il Corriere della Sera.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa