Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca: “Villar, sei bravissimo”

Anche nella notte più ininfluente, la cancellazione di un tabù che durava da quasi dieci anni merita un elogio particolare

La Roma sbanca lo Stadium vincendo 3-1 contro la Juve (a Torino aveva sempre perso in ogni competizione dal 2011, anno dell’inaugurazione del nuovo stadio bianconero). Queste le parole di Fonseca a fine gara: 

Questa vittoria non cambia niente, dobbiamo pensare ora al Siviglia. Se questa vittoria cambia qualcosa? Una vittoria è sempre importante. Ho detto ai ragazzi che bisogna essere ambiziosi, non importa la partita, se conta o non conta per la classifica. Una squadra che è ambiziosa deve lottare sempre per vincere, oggi abbiamo fatto questo. Le due squadre hanno cambiato molti giocatori, ma abbiamo fatto una gara seria. La squadra è in un buon momento. Ribaltare il risultato non è facile, l’abbiamo fatto perché la squadra è in fiducia e abbiamo aggredito sempre. Villar? E’ un giovane, non possiamo dimenticare che pochi mesi fa giocava nella seconda divisione spagnola. Si sta adattando, sta imparando dal calcio italiano, ma è un giovane su cui noi puntiamo molto per il futuro della Roma, oggi ha fatto una partita fantastica. Villar è giovane, ma è molto coraggioso”. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa