Resta in contatto

Prima Squadra

Calafiori: “L’esordio è stato il coronamento di tanti anni di sacrifici”

Tra i protagonisti della vittoria sul campo della Juventus c’è stato Riccardo Calafiori, che al suo primo match in Serie A ha guadagnato il calcio di rigore che ha portato al vantaggio giallorosso

Ecco cosa ha raccontato Riccardo Calafiori, il giovane classe 2002, al sito ufficiale della AS Roma dopo la sfida andata in scena allo Stadium: “È stato il coronamento di tanti anni di sacrifici, l’ho sempre sognato: sembrava quasi impossibile, ma alla fine ce l’ho fatta”, ci ha confidato il giallorosso.

E avevi anche segnato un gran gol purtroppo annullato…

“Non ci credevo di averla messa in porta, perché avevo calciato con il destro e sarebbe stato addirittura il mio secondo gol di destro in stagione, di solito con quel piede non ci prendo mai. È stata un’emozione durata un secondo, ho guardato l’arbitro e ho subito capito che non era regolare”.

Ci racconti l’azione del rigore guadagnato?

“Quando mi è arrivata la palla ho pensato subito allo scarico su Perotti, ho fatto lo stop, stavo anche per tirare, poi invece sono rientrato ed è andata bene così perché ho subito fallo”.

C’è un compagno in particolare che ti ha dato consigli durante la partita? 

“Perotti mi ha dato tanti consigli durante il match, mi ha detto di stare calmo, ha notato un po’ di foga, soprattutto nei minuti iniziali. Nella ripresa ho iniziato meglio, ma poi sono dovuto uscire perché la stanchezza si è fatta sentire. Diego è stato di grande auto, come tutti i compagni”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra