Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Dal Kuwait sono sicuri: “L’intento di Al-Baker è di riportare in alto la Roma”

Secondo i media kuwaitiani l’interesse dell’imprenditore sarebbe più che serio: “Non investirà nello sport e nel calcio senza studi accurati e ampie consultazioni”

Omar Barakat, giornalista del quotidiano del Kuwait Al Qabas, ha parlato ai microfoni di tuttomercatoweb.com riguardo l’imprenditore Al-Baker interessato ad acquisire la Roma da Pallotta. Queste le dichiarazioni sulla figura di Al-Baker:

“E’ una persona molto conosciuta in Kuwait, sia a livello di affari che a livello sportivo. Ha supportato infatti il club del Qadsia e la nazionale stessa. Ha molti interessi economici e un giro di affari non solo in Kuwait ma anche nei paesi arabi e in Europa. E’ un uomo di successo, un investitore”.

E perché, a suo avviso, vuole investire nella Roma?
Da uomo di grande successo non investirà nello sport e nel calcio senza studi accurati e ampie consultazioni. Non solo: ha un gruppo di partner con sé, come detto ai media nei giorni scorsi.

Che ambizioni può avere?
Quelle di riportare l’AS Roma a essere una squadra nuovamente competitiva, sia in Italia che in Europa. E la Roma sarebbe una scelta perfetta: ha un marchio speciale, una grande storia e questo aiuta anche a livello di marketing, considerata la sua fan base in Italia e nel mondo. Questo spingerà lui e i suoi partner a dare risorse finanziarie sufficienti a supportare il club per tornare a essere competitivo nel giro di poco tempo.

Come è stato accolto il suo interesse per un grande club italiano in Kuwait?
Molto favorevolmente, anche prendendo spunto da quella che è stata l’esperienza di Fawaz Alhassawi, una personalità di spicco in Kuwait che ultimamente ha acquisito il Nottingham Forest.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News