Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Maresca: “Siviglia-Roma? Non ci sono favoriti, sono due squadre forti”

“Non ci sono favoriti. Monchi? E’ il Siviglia”

Lunga intervista a Estadio Deportivo per Enzo Maresca, trascinatore del Siviglia da calciatore e poi nuovamente biancorosso come assistente di mister Montella nel 2017-2018. Il “Capo”, come lo chiamavano i nervionenses, ha ricordato con grande passione il suo passato tra le mura del Sánchez Pizjuán, oltre a presentare ovviamente anche la sfida di Europa League contro la Roma in programma fra due giorni a Duisburg:

“Sono molto legato alla gente di Siviglia e al Siviglia FC. Mi sono divertito, ho vinto e sono stato bene. Inoltre, mia moglie è sevillana e mio figlio Paolo è nato proprio a Siviglia. Il mio cuore è ancora là, quella è la mia seconda casa”.

Che partita si aspetta tra Siviglia e Roma?
“In una partita così non ci sono favoriti, men che meno in questa situazione di emergenza. Roma e Siviglia sono due squadre molto forti, con esperienza internazionale e campioni capaci di risolvere tutto da un momento all’altro. Non voglio essere banale, ma secondo me hanno entrambe il 50% di possibilità. Anche perché si giocherà in un altro Paese, a porte chiuse: la salute, d’altronde, viene prima di tutto il resto”.

Questo Siviglia, col ritorno di Monchi e l’arrivo in panchina di Lopetegui, è tornato ad esprimersi ad altissimi livelli.
“Monchi è fondamentale per Siviglia, Monchi è il Siviglia. Ci sono poche persone esperte di calcio come lui, c’è poco da dire. Quest’anno i biancorossi hanno lottato a lungo con Real Madrid e Barcellona, hanno attaccanti di qualità e sono convinto che potranno regalare tantissime soddisfazioni alla loro gente”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News