Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mkhitaryan: “Gioco per vincere. Questa è stata una delle stagioni più belle della mia carriera”

Le parole dell’armeno

Henrikh Mkhitaryan, trequartista della Roma, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Siviglia-Roma accanto a Fonseca:

Con Dzeko e Kolarov fai parte degli esperti, a cosa bisognerà stare attenti domani?
“Secondo me dobbiamo essere attenti, si gioca in partita secca e non in due. Dobbiamo essere attenti, avere il pallone, giocare, non sempre avanti ma tenere il pallone. Essere fiduciosi, se si gioca con fiducia si può vincere, non dobbiamo perdere la testa, essere equilibrati”.

Lo scorso anno, per motivi di sicurezza non hai giocato la finale di Europa League. Ti dà una carica in più per dare tutto?
“Ovviamente è stato un peccato non giocare lo scorso anno, è una storia chiusa. Non voglio parlare di questo, mi fa male. Quest’anno è diverso, voglio arrivare sempre in finale, voglio giocare per vincere, anche domani giocherò per vincere arrivare in finale. Non sarà facile, sono fiducioso che la squadra è pronta per questa partita. Farò di tutto per vincere. La mia vittoria sarà la vittoria della squadra”.

L’uomo in più di questo lockdown, giochi anche molto vicino a Dzeko. Come ti trovi in questo nuovo sistema, ti ha aiutato dal punto di vista realizzativo?
“Mi trovo bene, anche prima mi trovavo molto bene. È una cosa di come ti trovi in campo, che puoi fare per i compagni. Faccio di tutto per aiutare i compagni e vincere la partita. Ora giochiamo con questo 3-4-2-1, gioco più vicino a Dzeko e alla porta avversaria. Secondo me è una cosa su cui voglio lavorare, fare bene per me e per la squadra. Voglio continuare a fare bene per la squadra”.

Questa è una delle tue stagioni migliori a livello realizzativo. Conosci bene questa competizione, ti sei tenuto il gol in Europa League per questa fase?
“È stata una delle stagioni più belle della mia carriera, ma domani sarà una partita diversa. Non ho ancora segnato in Europa League, ho 90 minuti per farlo, ma è più importante che la squadra vinca. Non sono importanti le cose individuali, ma quelle di squadra. Si vince insieme e si perde insieme. Domani devo lavorare di più, se faccio gol sono felice, altrimenti non mi preoccupo. Se vinciamo, è la cosa più importante”.

Mkhitaryan ha rilasciato alcune dichiarazioni anche a Roma Tv:

Sei tra i più esperti della squadra.
“Giochiamo tutti insieme, siamo 22 e tutti dobbiamo dare di più. Non sarà facile però noi con più esperienza dobbiamo aiutare i giovani per vincere. Ho giocato tanto in Europa League, ma questa è diversa perchè è secca e tutto può succedere”.

Come si prepara una partita secca?
“Difficile perché non si può sbagliare. Se sbagli puoi prendere gol e per questo dobbiamo essere attenti e giocare bene, per segnare e non sbagliare le occasioni che avremo. Dobbiamo giocare benissimo”.

Entrambe le squadre giocano bene, cosa si deve temere?
“Dobbiamo essere fiduciosi perchè si gioca con fiducia e non si gioca con la mentalità che si può sbagliare un passaggio o altro. Dobbiamo entrare in campo e pensare di vincere e si può fare. Nelle ultime 8 partite abbiamo giocato bene e abbiamo dimostrato lo spirito di squadra. Per questo penso che siamo pronti e faremo tutto per vincere”.

Hai segnato in finale, qual è il segreto di questa competizione?
“Non c’è, è la squadra che fa tutto e all’ultimo segno il gol. Spero domani di fare il 20° gol in questa competizione”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra