Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Otto anni, zero trofei, tante proteste. Cala il sipario su un amore mai nato

L’era Pallotta è ufficialmente terminata. Dopo nove anni, di cui otto di presidenza, contrassegnati da alcuni picchi (due secondi posti e una semifinale di Champions League) e tante delusioni

Anni accompagnati da tante contestazioni e dagli addii di Totti e De Rossi. Il momento più basso è stato sicuramente la sconfitta in finale di Coppa Italia contro la Lazio, da cui però è partita la rinascita della Roma di Garcia delle dieci vittorie consecutive che ha aperto un ciclo.

Eppure il feeling tra il magnate di Boston e i tifosi non è mai scattato, in parte per la mancata vittoria di trofei in parte per la gestione del club, più economica e mondiale. Tanti sono stati gli strappi indicativi in tal senso, come quando ci fu una vera e propria contestazione in seguito all’introduzione del nuovo stemma. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa