Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fari sul primo colpo: obiettivo Castrovilli

Il centrocampista costa 40 milioni, possibile inserimento di contropartite

Friedkin intende investire per mantenere la squadra a un alto livello di continuità. Il nome individuato è quello di Gaetano Castrovilli, centrocampista della Fiorentina e uno dei giovani più interessanti del panorama nazionale. E’ stato Fienga a contattare l’entourage del giocatore comunicando le intenzioni della Roma. La società in questo momento è concentrata sulle cessioni che serviranno a formare la collina di euro per ripianare i conti. Una volta conclusa questa fase si presenterà alla Fiorentina un’offerta concreta, che includa anche dei giocatori graditi alla Viola: tra i giovani Riccardi e Calafiori, ma Pradè ha adocchiato anche Florenzi e Jesus.

Castrovilli risponde all’identikit che cerca la Roma e non solo in termini di qualità tecniche, ma anche in ottica finanziaria. Anche se il cartellino costa molto, circa 40 milioni, lo stipendio è ampiamente in linea coi nuovi paletti fissati da Fienga. Il fatto che la Roma stia puntando su un centrocampista di alto livello implica l’idea di tagliare qualche giocatore nello stesso ruolo: Veretout interessa al Napoli, ma possono partire anche Cristante e Diawara. Per il resto non sono previste operazioni shock. Pedro è già stato preso per l’attacco e potrebbero essere aggiunti al gruppo anche un terzino ed un vice Dzeko. Fienga sta lavorando silenziosamente per riportare Smalling a Trigoria. Lo United è pronto a lasciarlo andare purché si trovi un accordo sulle modalità di pagamento. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa